Hannibal, per Pasqua, regala il sole alla Sicilia

Fra pochi giorni è Pasqua e dopo una stagione piuttosto fredda e bizzarra, arriverà finalmente il sole, le temperature miti e il bel tempo grazie all’anticiclone Hannibal.

Hannibal, un anticiclone galante

L’Italia sarà solo sfiorata da Hannibal, ma i benefici si vedranno ugualmente, grazie a belle giornate e all’arrivo del tepore primaverile. Non saranno i 30 gradi previsti inizialmente, ma tutta la Sicilia potrà godere di un clima mite che, finalmente, permetterà di spalancare porte e finestre per far inondare la casa di sole. Questa è anche la stagione adatta per fare un po’ di restauro alle case, quindi via libera a tinteggiatura, cambio infissi acquistati da torinofinestre.it, rinnovo tessuti, opere di giardinaggio, ecc.

Finalmente i venti freddi provenienti dal Nord Europa lasceranno il posto a quelli miti che arrivano dall’Atlantico e, tra domenica e lunedì, in Sicilia si potranno registrare temperature tra i 17 e i 21 gradi. Per quel che riguarda il resto della penisola, saranno possibili ancora sporadici rovesci, ma le temperature tendono a rialzarsi ovunque. L’ondata di freddo e neve fuori stagione sembra aver messo la parola fine alla sua presenza sui nostri territori.

Come festeggeranno la Pasqua i siciliani?

La tradizione, in Sicilia, gioca sempre un ruolo importante, e durante la Pasqua si sente ancora di più. La Santa Pasqua arriva dopo una settimana di processioni che si possono incontrare in ogni angolo dell’isola. Confraternite, abiti tradizionali, antichi mestieri riportano in vita quelle giornate di passione, morte e resurrezione. Il tutto, però, è accompagnato sempre dalle ricette tipiche della tradizione culinaria siciliana del periodo pasquale. Dalle pecorelle di pasta reale ai pupi ccù l’ova,  dai piccoli panieri di pasta di pane che accolgono le uova colorate alla cassata, regina dei dolci siciliani. I dolci giocano un ruolo fondamentale durante le festività pasquali, ma anche gli altri piatti non scherzano. Ecco, allora, spuntare sulle tavole ‘U sciuscieddu, una minestra di origine francese; il Tegame pasquale di Aragona, un piatto molto elaborato a base di rigatoni e formaggio;  l’immancabile agnello che viene esaltato in piatti tipici come l’impanata pasquale ragusana; ù pastieri, la focaccia farcita con carne e formaggio; i turciniuna, a base di interiora ovine.

 

Lascia un commento